Scoprire La Camargue

La flora

Il parco naturale regionale della Camargue

Il parco naturale regionale della Camargue

Scaricate il nostro opuscol "Camargue"

Per saperne di più

La flora

La Camargue ospita una vegetazione varia derivante dalla lotta incessante tra il fiume, il mare e l'uomo. 

 

I due rami del Rodano racchiudono un ampio spazio alluvionale, di terre basse di cui una grande parte sommersa. Dalla punta del delta al litorale, tre tipi di morfologia ospitano diverse varietà di flora. Così il nord è piuttosto la regione delle coltivazioni, con una vegetazione ricca di alberi. La media Camargue, di tipo fluvio-lagunare è l'ambiente delle sansouïre, piante caratteristiche di un suolo salmastro, adatto a tori e cavalli. La bassa Camargue fino al litorale è allo stesso tempo il territorio della vegetazione propria delle paludi e di quella del cordone di dune. Il parco naturale regionale creato nel 1970 ha il compito di proteggere questa diversità. 

Il sansouire e le paludi dolci

Paesaggio emblematico della bassa Camargue, la sansouire è un ambiente in cui la presenza del sale è tale, che solo alcune specie vegetali (salicornie, salsole soda, obione, statici) possono svilupparsi. Possono essere parzialmente sommerse durante l'anno, lasciando apparire alcune « zattere di salicornie » çà et là.

 Nel periodo estivo, affioramenti di sale possono essere importanti e lasciano apparire delle efflorescenze bianche sulla superficie del suolo. I prati sono ambienti naturali molto rari e frammentati in Camargue. Si formano in zone in cui le condizioni del suolo e la topografia permettono ad un grande quantità di leguminose (trifogli, loto, vecce) e di graminaceae (gramigne, festuche, agrostidi) di effettuare il loro ciclo prima del periodo di forte siccità estiva e gli affioramenti saline che questa può generare. 

Le paludi d'acqua dolce ed i canneti sono per lo più presenti nell'alta Camargue e lungo il Rodano. Les paludi accolgono formazioni vegetali di piante emerse come i scirpi, i giunchi e le fragmite. Sistemati per la caccia o utilizzati per il pascolo nel periodo estivo, favoriscono l'accoglienza dell'avifauna che vi nidificae e sverna. I canneti sono insiemi in cui predomina la canna (o sagno in provenzale). Possono essere sfruttati dai sagneurs che raccolgono la canna in inverno per utilizzarla come copertura di case in Francia ed all'estero.